LA NOSTRA STORIA:

 

LA STORIA DELL'ISTITUTO SACRA FAMIGLIA DI BERGAMO

LA STORIA DELLA CASA DI RIPOSO ANTONIANI

 

 

LA STORIA DELL'ISTITUTO SACRA FAMIGLIA DI BERGAMO:

Santa Constanza CerioliCostanza Cerioli, questo il suo nome da laica, nacque il 28 gennaio 1816 a Soncino (Cremona) dai nobili e ricchi genitori Francesco Cerioli e Francesca Corniani. Era di gracile e delicata costituzione, ma dotata di grandi virtù spirituali che la madre con la sua sensibilità seppe sviluppare. Dai dieci ai sedici anni, fu affidata alle Suore della Visitazione di Alzano, dove si fece notare per la bontà dell'animo e la diligenza nello studio. Aveva 19 anni quando il 30 aprile 1835 andò sposa al nobile e ricco Gaetano Buzecchi dei conti Tassis, che aveva 60 anni (siamo nell'epoca in cui i matrimoni erano combinati per tanti motivi dai familiari) e con il marito si trasferì a Comonte, sempre nel bergamasco. Nei confronti del coniuge, tanto più anziano di lei, malato e spiritualmente lontano, Costanza Cerioli fu sempre generosa, paziente e docile; ebbe tre figli, purtroppo uno morì appena nato, un altro ad appena un anno, il terzo infine a 16 anni. Purtroppo la mortalità infantile nel secolo XIX era molto forte e tante malattie che oggi sono curabilissime, allora erano mortali; del resto la media della vita in generale era molto bassa, a confronto con quella di oggi. Rimase vedova il 25 dicembre 1854, ormai sola e ricca, nonostante avesse solo 38 anni, si isolò dal mondo e visse ritirata nella sua casa, dedicandosi alle opere di carità, in cui impegnò il suo immenso patrimonio.
Iniziò prendendo in casa due orfanelle, che man mano aumentarono di numero, insieme alle persone incaricate della loro formazione ed assistenza; così l'8 dicembre 1857 fondò l'"Istituto della Sacra Famiglia" e lei la vedova Costanza diventò suora prendendo il nome di suor Paola Elisabetta e dopo qualche anno fondò anche i "Fratelli della Sacra Famiglia" dediti al lavoro ed all'apostolato nei campi agricoli. Personalmente scrisse per i suoi Istituti le sapienti Regole, che furono approvate dal vescovo di Bergamo; si consumò in questa assistenza sociale e attività religiosa, ed a soli 49 anni morì a Comonte il 24 dicembre 1865. Fu beatificata il 19 marzo 1950, durante l'Anno Santo, da papa Pio XII. È stata proclamata santa da Giovanni Paolo II il 16 maggio 2004.

 

 

LA STORIA DELLA CASA DI RIPOSO ANTONIANI:

Costruito nel 1839 dall'impresario edile Giuseppe Antoniani Introbbio, per più di un secolo l'edificio rimase splendida residenza privata della Famiglia Antoniani e agli albori del '900, delle otto famiglie, inquiline ormai del nipote del costruttore, il Dott. Claudio Antoniani, illustre ricercatore e docente universitario.
"È stato mio padre a volere questa realtà" - racconta Ludovica, 75enne ed ancora oggi residente nell'edificio - "ricordo ancora questo giardino, dove lui invitava i suoi assistenti di Milano in quelle domeniche estive dal profumo solare e lacustre.
Un pomeriggio in particolare lo sentii esprimere loro il sogno di trasformare un giorno la nostra casa nella CASA DI RIPOSO ANTONIANI, a beneficio delle persone anziane, per le quali viveva una spiccata sensibilità d'animo. Io ho sentito il suo desiderio e in cuor mio, ho subito approvato. Poco tempo dopo, si ammalò e nell'ottobre del '68, salì al cielo forse con l'importante compito di continuare a seguirne i lavori, ma da un'ottica ancor più ampia di quella che i titoli terreni erroneamente presuppongono sia la più estesa".
Fu poi la mamma di Ludovica che, prima di morire (nel 1970), espresse la sua volontà di aggiungere un ulteriore tassello a quella del defunto marito.
Ovvero far si che la CASA DI RIPOSO ANTONIANI, fosse gestita dalle care Suore della Sacra Famiglia, che incontrò ormai vedova, durante il soggiorno in quel di San Remo. Ad esse alle quali donò l'edificio ed affidò il suo bene più prezioso: Ludovica.
Dal 1972 per 10 anni, la casa venne abitata da Ludovica, da Suor Livia, Suor Bianca e Suor Onorata. Poi, nel 1980 iniziò la ristrutturazione, che durò 2 anni, fino a che, il 15 aprile 1982 fu inaugurata la "CASA DI RIPOSO ANTONIANI", che ancora oggi accoglie persone anziane bisognose di assistenza e le segue con professionalità ed amore, per tutti i loro anni d'argento, sull'esempio fedele e costante della Santa Fondatrice della congregazione: Santa Paola Elisabetta, Cerioli, luminoso esempio di forza, umiltà ed amore caritatevole.